Il tempo della vendemmia in Puglia: non ci resta che brindare!

E' tempo di vendemmia in Puglia quando grappoli e chicchi, biondi, bruni e rosati, si diffondono e dimorano in questa terra, sin dal tempo dei Greci, sin da quando Diomede, reduce della Guerra di Troia, approdò nell'antica Apulia e portò con se qualche tralcio di vite.

 

In Puglia, a Settembre tutto inizia, a Settembre tutto iniziava anche in passato.

Un tempo, uomini e donne lavoravano per creare quel nettare che ha bagnato questo tacco d'Italia per secoli.

 

Si chiamavano amici, parenti, vicini di casa tutti assieme nelle vigne, tutti assieme chinati tra quei filari, pronti a sbirciare, a cercare i frutti, a sorreggere i grappoli con una mano e, al taglio del gambo, vederli accomodarsi nell'altra, piegati sotto il loro stesso peso. Era il tempo delle bigonce ricolme di succose perle, poggiate sulla spalla dei più forti, quando venivano accompagnate al di fuori del pergolato. Quell'uva correva per le strade e giungeva lì dove avrebbe imbrattato piedi e gambe di giovani pigiatori, pronti con i loro gesti energici.

 

La vendemmia era rito sociale, rito di comunione, voci , colori, umori e sapori, vestivano i borghi a festa, era, ed è ancora oggi, il momento allegro, il momento per tirare le somme dopo un'intera annata di lavoro e di fatiche, di gesti di cura per quelle vigne, tanto delicate, tanto curate, il momento del sospiro di sollievo, dell'esser riusciti a porre rimedio a improvvise grandinate, inverni troppo rigidi o perduranti siccità.

 

Il rito della vendemmia in Puglia era un rito carico di fatica, però una fatica adombrata dallo spirito di condivisione e soddisfazione. Nei campi infatti, non mancavano i cesti ricolmi di vivande caserecce, poggiati su tovaglie distese sui prati o su lunghe tavolate. 

E' tempo di vendemmia in una Puglia che è andata avanti ma che porta nel cuore lo spirito di questa tradizione.

Non ci resta che brindare.

 

Altre curiosità sulla Puglia?

Scoprile sulla nostra pagina Facebook o leggi altri nostri articoli:

- Non c'è emozione che tenga: la Basilica di San Nicola Pellegrino a Trani
Gli Street Market Pugliesi: un'esperienza tra "frenetismo" e vivacità

Il Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie: Colori che appagano gli occhi

Un destino alla finestra: il Rito di Santa Monica in Puglia
Colori che appagano gli occhi - Il Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie
- Il Monachello: uno spiritello burlone in Puglia
Gravina sotterranea: se i vostri passi percorreranno questo luogo…
La "Saléne": la Riserva Naturale Salina di Margherita di Savoia
Non è vero ma ci credo: l'antico rito dell'affascino in Puglia
Un trullo, una chiesa: la Parrocchia di Sant'Antonio ad Alberobello
Storia romantica a Vieste: Pizzomunno e Cristalda si amarono in Puglia
Il Santuario di San Michele Arcangelo: la Grotta che suggestiona gli animi
100 sfumature di bianco: Puglia, paesaggi, valori e tradizioni;

 

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
  • Nessun commento trovato
0
0
0
s2sdefault